Pensare al futuro significa anche guardare con occhi diversi il passato. È in quest’ottica che la Fondazione Brescia Musei ha presentato il piano di valorizzazione del Castello cittadino previsto per il 2018-2019. Il piano include 15 interventi capaci di migliorare gli spazi esistenti e rendere l’esperienza della visita più completa, piacevole e confortevole.

L’idea alla base dell’opera di ristrutturazione e valorizzazione è molto semplice: è necessario che il Castello sia tanto un punto di interesse storico culturale, quanto un luogo di svago e relax capace di offrire ai cittadini diverse soluzioni al suo interno. Il primo obiettivo della valorizzazione è dunque quello di far sentire i visitatori a proprio agio fin dall’entrata. Sarà proprio l’androne di accesso al Castello ad essere oggetto di lavori importanti, i quali prevedono l’apertura di un infopoint con funzioni di biglietteria, bookshop e piccolo ristoro.

Il secondo importante investimento riguarda l’integrazione dei servizi di bar e ristorazione, attualmente assenti all’interno del perimetro delle mura. Per colmare questa mancanza è stata scelta la Palazzina Haynau, che sarà adibita a bar ristorante con annessa sala banchetti e ricevimenti. I piani superiori saranno invece dedicati a quattro suite di lusso, che saranno parte del servizio offerto in gestione tramite procedure di evidenza pubblica.

Il nuovo piano per il Castello ha un occhio di riguardo per bambini e famiglie. Per la gioia dei più piccoli si potrà infatti presto vedere il parco della fortezza trasformato in un parco giochi che incentiverà la sua scoperta attraverso percorsi e giochi progettati da designers nazionali e internazionali. Per alleggerire le passeggiate nel parco è prevista inoltre la costruzione di un chiosco bar che, con la sua struttura vetrata, si inserisce nel progetto generale quale corredo del ristorante della Palazzina Haynau.

Un altro importante obiettivo del progetto di valorizzazione riguarda la Palazzina degli Ufficiali, dove saranno realizzate sale polifunzionali flessibili pensate sia per attività educative diurne che per gli eventi serali delle Associazioni che svolgono attività presso il Castello. Il progetto sarà realizzato in collaborazione con l’Associazione Amici del Cidneo che ha accettato di condividere il percorso di raccolta fondi.

Per quanto riguarda gli spazi museali, molti sono i progetti dedicati al grande e piccolo miglio. Mentre quest’ultimo sarà dedicato al Risorgimento e alla valorizzazione, in particolare, delle Dieci Giornate, il Grande Miglio sarà diviso in una parte – posta al primo piano – dedicata alla storia del Castello e in una seconda – al secondo piano – dedicata ad esposizioni temporanee di arte contemporanea.

Saranno invece dedicati alla scultura moderna e contemporanea i giardini posti sulla sommità di Mastio Visconteo, i magazzini oleari e l’ex casa del custode. In particolare, prima di altre acquisizioni, questi spazi saranno dedicati allo scultore bresciano Bruno Romeda – che ha lasciato alla Fondazione le sue opere, e al pittore e scultore americano Robert Courtright. Mentre le sculture saranno sistemate all’esterno, la casa del custode e i magazzini oleari saranno utilizzati a servizio del parco e come centro studi sulla produzione dei due artisti.

Le novità culturali riservate al Castello proseguono con la valorizzazione del Museo delle Armi Luigi Marzoli che, grazie all’introduzione di supporti multimediali e un nuovo percorso espositivo, permetterà di dotare Brescia di un importante centro di interpretazione della produzione armiera bresciana.

L’ultima novità renderà invece felici gli amanti delle proiezioni cinematografiche all’aperto che tornano anche quest’anno al Castello con il progetto “Il Giardino dell’Eden”. Visto il grande successo della scorsa edizione, quest’estate il progetto potrà contare su una stagione più lunga che avrà inizio a luglio e proseguirà fino a fine agosto.