Brescia è oggi una città più solidale soprattutto grazie al maxi progetto di sistema Brescia Città del Noi. Iniziato a maggio 2016 e della durata complessiva di tre anni, il progetto si propone di beneficiare i cittadini migliorando i servizi sociali e garantendo una loro maggiore diffusione sul territorio.

L’obiettivo generale è garantire una visione ampia e una strategia comune a garanzia di un approccio responsabile, comunitario, solidale e organizzato che permetta un progressivo passaggio dal welfare dell’amministrazione al welfare della comunità cittadina.

Il progetto è realizzato dal Comune di Brescia, Assessorato alle Politiche per la Famiglia, la Persona e la Sanità in associazione con Auser Volontariato Brescia, Co.librì Società Cooperativa, Centro Studi Socialis, Università degli Studi di Brescia, Università Cattolica del Sacro Cuore sede di Brescia ed è stato finanziato con il contributo di Fondazione Cariplo – Bando Welfare di Comunità e Innovazione Sociale II  edizione – e cofinanziato dal Comune capofila e dai partner di progetto.

Il progetto riguarda 5 zone e 33 quartieri bresciani e propone il miglioramento di settori e servizi alla luce di alcune caratteristiche sociali e demografiche che hanno cambiato il volto della città negli ultimi anni. In particolare, va segnalato, da un lato, il calo della natalità, accompagnato ad un aumento notevole di persone anziane che necessitano di cure e servizi e, dall’altro, un incremento di persone con disabilità all’uscita delle scuole e necessitante di assistenza diurna e residenziale e un aumento di stranieri nella fascia di età giovanile e scolastica.

Brescia Città del Noi è un progetto di sistema che prevede l’attivazione di alcune azioni improntate ai generali principi di flessibilità, sostenibilità e innovazione. Sei i cantieri tematici in cui tali azioni si concretizzano:

Cantiere La Forza della Comunità

Raccoglie iniziative volte a costruire un nuovo e più evoluto sistema di relazioni con le forze vive della città grazie alla messa in rete dei servizi pubblici e del terzo settore al fine di realizzare un welfare diffuso e partecipato.

Cantiere Prima Infanzia

Creato con lo scopo di offrire alle famiglie servizi flessibili e innovativi capaci di rispondere ai bisogni educativi, di cura e crescita dei bambini ed innovare le modalità di risposta della pubblica amministrazione e del terzo settore per la fascia 0-3 anni.

Cantiere Vivi il Quartiere e Officina Giovani

Relativo alla promozione di servizi innovativi che sappiano riconoscere il protagonismo dei ragazzi e dei giovani, sviluppino una nuova capacità di risposta nei soggetti del terzo settore e favoriscono l’attenzione degli adulti sul benessere delle nuove generazioni di cittadini ai giovani nella fascia 14-29 anni, tra i quali i NEET (giovani che non studiano né lavorano).

Cantiere Le 100 Leve per la Città

Altro cantiere rivolto ai giovani con lo scopo di offrire loro opportunità di crescita e sviluppo delle proprie competenze e conoscenze mediante la collaborazione con i soggetti del terzo settore nella forma di servizio civile.

Cantiere Contrasto alla Povertà, Impegno Sociale e Promozione al Lavoro

Il cantiere si propone di favorire la collaborazione tra i soggetti che si occupano della grave emarginazione facilitando lo scambio di informazioni e buone prassi, innovare le modalità di risposta favorendo il riconoscimento della dignità della persona quale protagonista del proprio cambiamento. Intercettare un gruppo target di persone adulte in stato di disagio e grave emarginazione, ma con abilità lavorative residue che hanno perso lavoro e che vivono conseguenti situazioni di difficoltà.

Cantiere Servizi Innovativi per Anziani e Disabili

Il cantiere pone l’attenzione alla popolazione dai 65 anni in poi, in particolare gli anziani più fragili (gli over 75) in condizioni di solitudine e senza rete parentale e si propone di implementare nuovi servizi alloggiativi rivolti a persone con disabilità per favorire occasioni di vita indipendente.

A supporto delle diverse attività dei Cantieri, il progetto si avvale delle esperienze e competenze di agenzie strategiche di innovazione i cui referenti sono i diversi partner del progetto a seconda delle loro competenze. In particolare, le agenzie strategiche si occupano di governance, risorse umane, comunicazione e fundraising, finanza, conoscenza e informazione.