Rinnovato anche per l’anno scolastico 2017/2018 l’impegno del comune di Brescia a investire in progetti dedicati alle scuole. Con l’inizio dell’anno, infatti, prende il via l’iniziativa Scuole in Rete, un progetto di cultura dell’innovazione che prosegue e potenzia l’intervento di manutenzione straordinaria delle sedi delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado che l’amministrazione ha avviato dal 2015 e che è stato completato a luglio 2017.

Promosso dal Comune di Brescia in collaborazione con A2A Smart City, Scuole in Rete attua la linea 1.2 “La città fa rete” contenuta nell’Agenda Digitale Urbana Brescia 2030 il cui obiettivo principale è realizzare progetti di crescita delle conoscenze e competenze e in generale del “saper fare” mediante l’accesso alla rete e la capacità di utilizzo della stessa. Allo stesso modo, il progetto si propone di contrastare il digital divide – nuova forma di discriminazione sociale dovuta a limiti nell’accesso, nella configurazione e nell’esercizio dei diritti configurabili on line – e di promuovere nuovi stili di vita digitali che hanno un rilevante valore sia sociale che economico.

Per gli obiettivi generali del progetto particolare importanza è rivestita dalla realizzazione di una infrastruttura tecnologica che collega in fibra ottica le 106 sedi scolastiche comunali, creando così le condizioni per la connessione in banda larga e ultralarga. Le 106 scuole cittadine che fino ad oggi soffrivano dell’isolamento proprio degli edifici costruiti in epoca pre-tecnologica saranno integrate alla rete comunale consentendo l’erogazione di servizi come quelli per la sicurezza e di emergenza che coinvolgono il Comune. L’utilizzo delle ICT e di internet costituiscono così le condizioni essenziali per ridurre l’isolamento delle scuole e migliorare la sicurezza, le condizioni di vita e l’offerta didattica.

Tra i servizi di base garantiti a seguito dei lavori iniziati a giugno 2015 e terminati il 31 luglio 2017 ci sono:

● Connettività su fibra garantita, inizialmente 10MB (5MB per sedi nidi e scuole dell’infanzia);
● Servizi di navigazione Internet protetti e sicuri;
Distribuzione Wi-Fi solo per le scuole primarie e secondarie di I grado con priorità alla copertura dei servizi amministrativi, dell’aula informatica e dell’aula magna;
● Altri servizi attivabili (ad esempio telefonia VoIP tra scuole);
Videoconferenza/lezioni in streaming tra scuole.

Tra i servizi evoluti che potranno essere convogliati sulla infrastruttura:

Videosorveglianza a tutela del patrimonio;
Gestione centralizzata dell’allarmistica antincendio e antintrusione;
Gestione centralizzata della sensoristica di building automation per la sicurezza e il benessere;
Supporto, anche formativo, all’utilizzo della rete per sperimentare nuove modalità della didattica in modo da togliere le scuole dall’isolamento (ad esempio uso di sistemi di comunicazione e scambio dati tra scuole per didattica, telefonia ecc.).

Oltre a migliorare la condizione scolastica, l’iniziativa ha già mostrato i suoi vantaggi anche dal punto di vista economico. Con il progetto Scuole in Rete, infatti, il Comune ha beneficiato di un abbattimento dei costi per la connettività, riducendo la spesa complessiva comunale di 20.000 € l’anno.